ARTIFICIALI ROTANTI SPARK

di Francesco Capomassi

 

Da sempre artificiale universale il rotante si colora e si rinnova in continuazione. Questi rotanti dalle tinte molto accese, sono il prodotto ideale per la bella stagione.

 
L'inizio della bella stagione e l'avvento del mese di Maggio, è certamente il momento più interessante dell'anno. Comincia un periodo in piena esplosione di vita e di ripresa, il tempo si stabilizza e le ore di pesca si fanno interessanti in ogni occasione della giornata; per il pescatore di mosca e quello di spinning, sono soprattutto le numerosissime schiuse e gli insetti che gravitano intorno ai fiumi e ai laghi, a muovere con interesse i pesci predatori e in particolare le belle trote, all'attacco. Questi nuovi prodotti dell'italianissima ILBA di Bergamo, possono ad un primo impatto sembrare eccessivamente differenti e per certi versi poco improbabili nell'uso; ritengo, invece, che si tratti di una bella serie di cucchiaini rotanti studiati appositamente per consentire al lanciatore di spinning, l'uso di un genere di artificiali e di una colorazione d'insieme che si richiamano per certi versi alle tipiche costruzioni dei moschisti, laddove spesso si ricerca una tipologia di tonalità e di tinte che si intonano e si integrano con le specie degli insetti presenti.

Per noi lanciatori di spinning è un concetto puramente filosofico, sappiamo benissimo che non possiamo imitare con le esche a nostra disposizioni (a meno di improbabili produzioni) le bellissime costruzioni degli amici moschisti, ma perlomeno ci possiamo provare e l'ILBA ci offre una diversità, che si può senz'altro avvicinare a quanto spesso si incontra "sul pelo dell'acqua". La nuova serie degli SPARK, si aggiunge alla già vasta gamma degli artificiali ILBA; sono cucchiaini rotanti prodotti in quattro misure: NR. 1, 2, 3, 4 con pesi rispettivamente da 3 - 5,5 - 7,5 - 10 grammi e disponibili in ben 20 diversi abbinamenti cromatici con paletta ovoidale, corpo che contrasta e decorazioni a scaglie di tartaruga, che si richiamano al colore del corpo. Per le palette sono state utilizzate speciali vernici madreperlate, che garantiscono all'esca brillantezza e resistenza. Il corpo ha il nuovo design a clavetta e la paletta è inserita nell'asse per mezzo del classico cavalierino.   Recensione Artificiale Spark

La prova in acqua di questi cucchiaini fornisce un'eccellente risalto ma senza per questo eccedere considerato che le varie tonalità delle palette non brillano, ma sono di un bel colore pastello. Lascio a voi, dunque, cari amici spinningofili, la scelta dell'artificiale giusto per il momento giusto, ma provate ad utilizzarli normalmente anche in presenza di acque chiare, come se si trattasse in effetti di un bell'insetto che si sposta a pelo d'acqua; a tale proposito, infatti, consiglierei di provare il recupero lento, senza incertezze e con canna alta, così da farli "scivolare" in superficie (ma senza per questo che schizzino fuori dall'acqua!!), la tipica paletta larga, infatti, è l'ideale per lavorare più in superficie che a ridosso del fondo o in contrasto delle correnti dove in genere è preferibile utilizzare una paletta più lunga o willow leaf.Ciò non toglie, comunque, che queste forti colorazioni siano assolutamente l'ideale per le acque mediamente velate o se non piuttosto scurite, da un improvvisa piena. Uscire dai canoni del classico rotante, specie in periodi tipici e che abbondano di insetti alati, può senz'altro diversificare una situazione che altrimenti rischierebbe di ristagnare per tutta la giornata di pesca: meglio per questo agitare le acque.